Disturbi d'ansia e dell'umore

linea

Disturbi d'ansia e depressione sono tra i disturbi più diagnosticati nella popolazione mondiale. Lo “European Study on the Epidemiology of Mental Disorders” (ESEMED), una ricerca condotta nel 2004 che ha preso in esame un campione di 5000 persone nella popolazione non clinica, ha evidenziato che più del 20% delle persone sviluppa nell'arco della sua vita almeno un disturbo d'ansia o dell'umore. E' un dato molto significativo. Una persona su cinque in Europa si ammala di depressione o di una qualche forma d'ansia almeno una volta nel corso della sua vita.

Un disturbo depressivo è una malattia che coinvolge il corpo, le emozioni e pensieri. Esso interferisce con la vita quotidiana, con il normale funzionamento degli individui e provoca dolore sia nella persona ammalata che in chi si prende cura di lui o di lei. Un disturbo depressivo non è una condizione di tristezza transitoria. Non è un segno di debolezza personale o una condizione che può essere volontariamente allontanata. Le persone con una malattia depressiva non possono semplicemente "tirarsi su" e stare meglio. Senza trattamento, i sintomi possono durare per settimane, mesi o anni. La depressione è una malattia comune ma grave, e la maggior parte delle persone che soffre di essa necessita di un trattamento per ottenere un miglioramento significativo e una remissione completa dei sintomi.

La depressione maggiore si manifesta con una combinazione di sintomi che interferiscono con la capacità di lavorare, di studiare, dormire, mangiare, e godere di attività che in precedenza erano piacevoli. Un episodio depressivo può avvenire solo una volta nella vita ma più comunemente si verifica più volte nel corso della vita in corrispondenza di momenti evolutivi delicati.

Un disturbo dell'umore meno invalidante, il disturbo distimico, prevede per periodi più lunghi (due anni o più) sintomi meno gravi che non si disattivano, ma non impediscono alla persona di lavorare, avere una vita tutto sommato normale e a volte piacevole. Molte persone che soffrono di disturbo distimico sperimentano anche episodi di depressione maggiore in qualche momento della loro vita.

I disturbi depressivi si presentano molto spesso in concomitanza con disturbi ansiosi, per questo e per altri motivi i clinici ritengono che ansia e depressione siano facce diverse di uno stesso problema.

L'ansia è una reazione fisiologica a eventi stressanti, in alcuni casi, però, diventa eccessiva e chi ne soffre comincia a vivere con angoscia anche situazioni comuni e quotidiane.

Esistono numerose categorie diagnostiche per inquadrare un disturbo d'ansia. Un'ansia costante, pervasiva e aspecifica viene denominata ansia generalizzata.

Esiste poi il disturbo da attacchi di panico che si manifesta con violenti e spesso improvvisi stati di angoscia durante i quali le persone temono di morire, impazzire e/o più in generale di perdere il controllo.

Esistono poi forme ansiose legate a determinate situazioni o fattori scatenanti. E ancora forme ossessivo compulsive che implicano l'esistenza di pensieri persistenti e di compulsioni che fanno sentire le persone costrette a compiere determinati atti o gesti per sedare la propria ansia. L'evidenza clinica e la ricerca suggeriscono che un temperamento ansioso potrebbe avere una forte base genetica. Questo, però, non implica che chi sia in possesso di tale predisposizione debba necessariamente sviluppare un disturbo d'ansia. La natura e la cultura, si sa, si influenzano reciprocamente ed è noto quanto le esperienze avverse di vita giochino un ruolo centrale nello sviluppo di una patologia vera e propria. La psicoterapia cognitivo comportamentale con o senza abbinamento ad una terapia farmacologica ha dimostrato in maniera inequivocabile di dare risultati significativi nel trattamento dei disturbi d'ansia e della depressione.

Referenti d'equipe: Dott.ssa Rosa Riccio, Dott.ssa Claudia De Carolis, Dott.ssa Stefania Vaccaro

Psicotraumatologia

 
Disturbi d'ansia e dell'umore

Disturbi di Personalità

 
Disturbi Alimentari

DSA

 
Disturbi dell'infanzia e dell'adolescenza

Psicologia dello sport

 
Psicopatologia forense

Neuropsicologia

 
Dipendenze

Psicoterapia di coppia